Il tempo è denaro, una verità assoluta e indiscutibile, ma la riflessione che dobbiamo fare è se il denaro si ottiene solo risparmiando tempo o investendo nel tempo che ci è concesso? Detta così sembrerebbe abbastanza scontata la risposta, ovvero investendo, ma dietro a questo termine c’è una domanda molto più sottile a cui rispondere, come investo nel tempo essendo un concetto astratto?

La risposta è… nel capitale umano, in quanto è la singola persona ad essere una causa del tempo.

Il capitale umano ha la peculiarità di poter distorcere le tempistiche, velocizzando o rallentando un processo, creando o fermando un progetto o una idea, risolvendo o bypassando un problema, alcune volte senza la consapevolezza che il proprio operato sia così determinante.

Per questi motivi, le aziende si sono rese conto che il primo guadagno è l’abbattimento dei costi e degli sprechi, attraverso procedure e standardizzazioni.  

Ma siamo sicuri che basti una regola per ottenere il massimo risultato?

La risposta è NO.

Non perché non sia necessario, ma perché è tanto importante farlo quanto fare capire il motivo e lasciare anche la possibilità di analisi a chi poi deve attuarlo.

Il capitale umano è un capitale non da sfruttare ma bensì da far maturare, per far sì che renda maggiormente e l’unico modo per far sì che questo avvenga è Formarlo.

Formarlo sia nelle competenze che nelle capacità personali, formarlo facendogli apprendere la visione e la missione aziendale, formarlo creando percorsi mirati e non generici.

Ma tutto questo ha un costo? Può averlo, anche se in realtà è uno dei nostri doveri quello di cercare il modo per abbatterlo senza perdere di vista l’obbiettivo qualitativo della formazione.

Ora rifaccio la domanda, il denaro si ottiene risparmiando tempo o il denaro si ottiene investendo nel tempo?

Contattaci